Assedio ottomano

Assedio ottomano all'impero bizantino [ TUTTO QUESTO ORRORE, OGGI è PRESENTE, OVUNQUE, IN SIRIA, E NELLA GALASSIA JIHADISTA, CHE, LOTTA PER LA STESSA SHARIA DELLA LEGA ARABA ] [ soltanto, Bush 322 Kerry CIA 666, sono così satanisti DA AVERE VOLUTO ROVINARE IL GENERE UMANO IN QUESTO MODO, HANNO RIESUMATO DAL CIMITERO DELLA STORIA GLI WAHHABITI PER ROVINARE IL GENERE UMANO! ] [...] È l’anno 1452. Il sultano aveva come asso nella manica due cannoni dall’efficacia davvero strabiliante. Arrivato sotto le mura della città in aprile, come voleva la legge islamica mandò un dispaccio all’imperatore, dicendo che se si fosse arreso, avrebbe risparmiato la vita dei suoi sudditi, in caso contrario, la lotta sarebbe stata all’ultimo sangue.[...] [...]Nel frattempo, siamo ormai nel 1453, arrivarono quattro navi genovesi, poiché le navi turche erano ammassate davanti a Costantinopoli ed avevano lasciato totalmente sguarnito il corno d’oro. Il sultano, infuriato, fa strangolare l’ammiraglio e fa spostare la flotta turca nel corno d’oro.[...]
[...]L’imperatore, Costantino, si gettò nella mischia e morì. In poche ore, Bisanzio era diventata un lago di sangue; la Vergine Odigitria, l’icona più venerata dell’impero, bruciava.[...] [...] In Santa Sofia, mentre si celebrava il mattutino, i fedeli furono uccisi o catturati come schiavi Bisanzio moriva quando furono uccisi i due preti che stavano celebrando la messa.[...]
[...] Il giorno successivo, l’imam fece di Santa Sofia una moschea. L’impero ormai non esisteva più, ed il suo conquistatore aveva appena ventidue anni. La notizia fece inorridire il mondo cristiano.[...] Son trecent’anni che in Europa si dovettero studiar gli antichi, per ritornare in vita le lettere e l’arti oppresse dalla barbarie. Fu necessario cominciar dai latini, come i più facili (massimamente prima che venisse quella colonia di greci di Levante a ripararsi tra noi dalla scimitarra di Maometto II), il clero e i monaci avendo conservato qualche scintilla di quel fuoco venerabile, e coltivato più o meno la latinità e i romani scrittori. Il maggior letterato era colui, che più sapea di latino, e si sa che si davano le terre e le possessioni per avere un codice, tanto eran pregiati e rari que’ volumi prima della stampa.
Saverio Bettinelli - Lettere Virgiliane, Lettere Inglesi e Mia Vita
Letteraria - LETTERA OTTAVA - 1757

TUTTO QUESTO ORRORE, OGGI è PRESENTE, OVUNQUE, IN SIRIA, E NELLA GALASSIA JIHADISTA, CHE, LOTTA PER LA STESSA SHARIA DELLA LEGA ARABA ] [ soltanto, Bush 322 Kerry CIA 666, sono così satanisti DA AVERE VOLUTO ROVINARE IL GENERE UMANO IN QUESTO MODO, HANNO RIESUMATO DAL CIMITERO DELLA STORIA GLI WAHHABITI PER ROVINARE IL GENERE UMANO! ]  L'incredibile storia dell'espansionismo islamico verso l'Europa. Fu nel 635 d.C. cioè tre anni dopo la morte di Maometto che gli eserciti della Mezzaluna invasero la cristiana Siria e la cristiana Palestina. Fu nel 638 che si presero Gerusalemme e il Santo Sepolcro. Fu nel 640 che conquistata la Persia e l’Armenia e la Mesopotamia ossia l’attuale Iraq invasero il cristiano Egitto e dilagarono nel cristiano Maghreb cioè in Tunisia e in Algeria e in Marocco. Fu nel 668 che per la prima volta attaccarono Costantinopoli, le imposero un assedio di cinque anni.
Fu nel 711 che attraversato lo Stretto di Gibilterra sbarcarono nella cattolicissima Penisola Iberica, s’impossessarono del Portogallo e della Spagna dove nonostante i Pelayo e i Cid Campeador e i vari sovrani impegnati nella Reconquista rimasero per ben otto secoli.E chi crede al mito della «pacifica convivenza» che secondo i collaborazionisti caratterizzava i rapporti tra conquistati e conquistatori farebbe bene a rileggersi le storie dei conventi e dei monasteri bruciati, delle chiese profanate, delle monache stuprate, delle donne cristiane o ebree rapite per essere chiuse negli harem. Farebbe bene a riflettere sulle crocifissioni di Cordova, sulle impiccagioni di Granada, sulle decapitazioni di Toledo e di Barcellona, di Siviglia e di Zamora. (Quelle di Siviglia, volute da Mutamid, il rè che con le teste mozze adornava i giardini del suo palazzo.
Quelle di Zamora, da Almanzor: il visir definito il-mecenate-dei-fìlosofì, il più grande leader che la Spagna Islamica abbia mai prodotto). Cristo! A invocare il nome di Gesù o della Madonna si finiva subito giustiziati. Crocifissi, appunto, o decapitati o impiccati. E a volte impalati. A suonare le campane, lo stesso. A indossare un indumento verde, colore dell’Isiam, idem. E al passaggio d’un mussulmano i cani-infedeli dovevano farsi da parte, inchinarsi. Se il mussulmano li aggrediva o li insultava, non potevano ribellarsi. Quanto al particolare che i cani-infedeli non avessero l’obbligo di convertirsi all’Islam, sai a cosa era dovuto? Al fatto che i convertiti non pagassero le tasse. I cani-infedeli, invece, sì. Dalla Spagna nel 721 passarono alla non meno cattolica Francia. Guidati da Abd al-Rahman, il governatore dell’Andalusia, varcarono i Pirenei, presero Narbonne. Vi massacrarono tutta la popolazione maschile, ridussero in schiavitù tutte le donne e tutti i bambini poi proseguirono per Carcassonne. Da Carcassonne passarono a Nimes dove fecero strage di monache e frati. Da Nimes passarono a Lione e a Digione dove razziarono ogni singola chiesa, e sai quanto durò il loro avanzare in Francia? Undici anni. A ondate.
Nel 731 un’ondata di trecentottantamila fanti e sedicimila cavalieri arrivò a Bordeaux che si arrese immediatamente. Da Bordeaux si portò a Poitiers poi a Tours, e se nel 732 Carlo Martello non avesse vinto la battaglia di Poitiers-Tours oggi anche i francesi ballerebbero il flamenco. Nell’827 sbarcarono in Sicilia, altro bersaglio delle loro bramosie. Al solito massacrando e profanando conquistarono Siracusa e Taormina, Messina poi Palermo, e in tre quarti di secolo (tanti ce ne vollero per piegare la fiera resistenza dei siciliani) la islamizzarono. Vi rimasero oltre due secoli e mezzo, cioè fin quando vennero sloggiati dai Normanni, ma nell’836 sbarcarono a Brindisi.
Nell’840, a Bari. E islamizzarono anche la Puglia.
Nell’841 sbarcarono ad Ancona. Poi dall’Adriatico si riportarono nel Tirreno e durante l’estate dell’846 sbarcarono ad Ostia. La saccheggiarono, la incendiarono, e risalendo le foci del Tevere giunsero a Roma. La misero sotto assedio e una notte vi irruppero. Depredarono le basiliche di San Pietro e di San Paolo, saccheggiarono tutto il saccheggiabile. Per liberarsene, Papa Sergio II dovette impegnarsi a versargli un tributo annuo di 25 mila monete d’argento. Per prevenire altri attacchi, il suo successore Leone IV dovette costruire le mura leonine.
Abbandonata Roma, però, si piazzarono in Campania. Vi restarono settant’anni distruggendo Montecassino e tormentando Salerno. Città nella quale, a un certo punto, si divertivano a sacrificare ogni notte la verginità di una monaca. Sai dove? Sull’altare della cattedrale. Nell’898, invece, sbarcarono in Provenza. Per l’esattezza, nell’odierna Saint-Tropez. Vi si stabilirono, e nel 911 varcarono le Alpi per entrare in Piemonte.
Occuparono Torino e Casale, dettero fuoco alle chiese e alle biblioteche, ammazzarono migliaia di cristiani, poi passarono in Svizzera. Raggiunsero la valle dei Grigioni e il lago di Ginevra, poi scoraggiati dalla neve fecero dietro-front. Tornarono nella calda Provenza, nel 940 occuparono Tolone e... Oggi è di moda battersi il petto per le Crociate, biasimare l’Occidente per le Crociate, vedere nelle Crociate un’ingiustizia commessa ai danni dei poveri mussulmani innocenti. Ma prima d’essere una serie di spedizioni per rientrare in possesso del Santo Sepolcro, le Crociate furono la risposta a quattro secoli di invasioni occupazioni angherie carneficine. Furono una controffensiva per bloccare l’espansionismo islamico in Europa. Per deviarlo, (mors tua vita mea), verso l’Oriente. Verso l’India, l’Indonesia, la Cina, il continente africano, nonché la Russia e la Siberia dove i Tartari convertiti all’Islam stavano già portando il Corano. Concluse le Crociate, infatti, i figli di Allah ripresero a seviziarci come prima e più di prima. Ad opera dei turchi, stavolta, che si accingevano a partorire l’Impero Ottomano.Un impero che fino al 1700 avrebbe condensato sull’Occidente tutta la sua ingordigia, la sua voracità, e trasformato l’Europa nel suo campo di battaglia preferito. Interpreti e portatori di quella voracità, i famosi giannizzeri che ancor oggi arricchiscono il nostro linguaggio col sinonimo di sicario o fanatico o assassino. Ma sai chi erano in realtà i giannizzeri? Le truppe scelte dell’Impero. I super-soldati capaci di immolarsi quanto di combattere, massacrare, saccheggiare. Sai dove venivano reclutati o meglio sequestrati? Nei paesi sottomessi all’Impero. In Grecia, per esempio, o in Bulgaria, in Romania, in Ungheria, in Albania, in Serbia, e a volte anche in Italia. Lungo le coste battute dai pirati. Li sequestravano all’età di dieci o undici o dodici anni, scegliendoli tra i primogeniti più belli e più forti delle buone famiglie. Dopo averli convertiti li chiudevano nelle loro caserme e qui, proibendogli di sposarsi e d’avere qualsiasi tipo di rapporto amoroso o affettivo, (incoraggiato, al contrario, lo stupro), li indottrinavano come neanche Hitler sarebbe riuscito a indottrinare le sue Waffen SS. Li trasformavano nella più formidabile macchina da guerra che il mondo avesse mai visto dal tempo degli antichi romani.
...nel 1356, cioè ottantaquattr’anni dopo l’Ottava Crociata, i turchi si beccarono Gallipoli cioè la penisola che per cento chilometri si estende lungo la riva settentrionale dei Dardanelli. Da lì partirono alla conquista dell’Europa sud-orientale e in un batter d’occhio invasero la Tracia, la Macedonia, l’Albania. Piegarono la Grande Serbia, e con un altro assedio di cinque anni paralizzarono Costantinopoli ormai del tutto isolata dal resto dell’Occidente. Nel 1396 si fermarono, è vero, per fronteggiare i Mongoli (a loro volta islamizzati), però nel 1430 riesumarono la marcia occupando la veneziana Salonicco.
Travolgendo i cristiani a Vama nel 1444 si assicurarono il possesso della Valacchia, della Moldavia, della Transilvania, insomma dell’intero territorio che oggi si chiama Bulgaria e Romania, e nel 1453 assediarono di nuovo Costantinopoli che il 29 maggio cadde in mano a Maometto II. Una belva che in virtù dell’islamica Legge sul Fratricidio (legge che per ragioni dinastiche autorizzava un sultano ad assassinare i familiari più stretti) era salita al trono strozzando il fratellino di tre anni.
Le truppe ottomane che suonando i tamburi entrano dalle brecce delle mura crollate, travolgono i difensori genovesi e veneziani e spagnoli, a colpi di scimitarra li massacrano tutti, poi irrompono nella cattedrale e decapitano perfino i neonati. Con le loro testine spengono i ceri... Durò dall’alba al pomeriggio, la strage. Si placò solo al momento in cui il Gran Visir salì sul pulpito di Santa Sofia e ai massacratori disse: «Riposatevi. Ora questo tempio appartiene ad Allah».
Intanto la città bruciava. La soldataglia crocifiggeva e impalava. I giannizzeri violentavano e poi sgozzavano le monache (quattromila in poche ore) oppure incatenavano le persone sopravvissute per venderle al mercato di Ankara. E i cortigiani preparavano il Pranzo della Vittoria. Quel pranzo durante il quale (in barba al Profeta) Maometto II si ubriacò con i vini di Cipro, e avendo un debole pei giovinetti si fece portare il primogenito del granduca greco-ortodosso Notaras. Un quattordicenne noto per la sua bellezza. Dinanzi a tutti lo stuprò, e dopo averlo stuprato si fece portare gli altri Notaras. I suoi genitori, i suoi nonni, i suoi zii, i suoi cugini. Dinanzi a lui li decapitò. Uno ad uno.
Fece anche distruggere tutti gli altari, fondere tutte le campane, trasformare tutte le chiese in moschee o bazaar. Eh, sì. Fu a questo modo che Costantinopoli divenne Istambul. Che i Fra’ Accursio dell’Onu vogliano sentirselo dire o no. Tre anni dopo e cioè nel 1456 conquistarono Atene dove, di nuovo, Maometto II trasformò in moschee tutte le chiese e gli antichi edifici. Con la conquista di Atene completarono l’invasione della Grecia che avrebbero tenuto cioè rovinato per ben quattrocento anni, quindi attaccarono la Repubblica di Venezia che nel 1476 se li ritrovò anche dentro il Friuli poi nella vallata dell’Isonzo. E ciò che accadde il secolo successivo non è meno agghiacciante. Perché nel 1512 sul trono dell’Impero Ottomano salì Selim il Sanguinario. Sempre in virtù della Legge sul Fratricidio ci salì strozzando due fratelli più cinque nipoti più vari califfi nonché un numero imprecisato di visir, e da tal individuo nacque colui che voleva fare lo Stato Islamico d’Europa: Solimano il Magnifico. Appena incoronato, infatti, il Magnifico allestì un’armata di quasi quattrocentomila uomini e trentamila cammelli più quarantamila cavalli e trecento cannoni. Dalla ormai islamizzata Romania nel 1526 si portò nella cattolica Ungheria e nonostante l’eroismo dei difensori ne disintegrò l’esercito in meno di quarantotto ore. Poi raggiunse Buda, oggi Budapest. La dette alle fiamme, completò l’occupazione, e indovina quanti ungheresi (uomini e donne e bambini) finirono subito al mercato degli schiavi che ora caratterizzava Istambul. Centomila.
 Indovina quanti finirono, l’anno seguente, nei mercati che competevano con quello di Istambul cioè nei bazaar di Damasco e di Bagdad e del Cairo e di Algeri. Tre milioni. Ma neanche questo gli bastò. Per realizzar lo Stato Islamico d’Europa, infatti, allestì una seconda armata con altri quattrocento cannoni e nel 1529 dall’Ungheria si portò in Austria. L’ultracattolica Austria che ormai veniva considerata il baluardo della Cristianità. Non riuscì a conquistarla, d’accordo. Dopo cinque settimane di inutili assalti preferì ritirarsi. Ma ritirandosi massacrò trentamila contadini che non gli meritava di vendere a Istambul o a Damasco o a Bagdad o al Cairo o ad Algeri perché il prezzo degli schiavi era troppo calato a causa di quei tré milioni e centomila ungheresi, e appena rientrato affidò la riforma della flotta al famoso pirata Khayr al-Din detto il Barbarossa. La riforma gli consentì di rendere il Mediterraneo un feudo acqueo dell’Islam sicché, dopo aver spento una congiura di palazzo facendo strangolare il primo e il secondo figlio più i loro sei bambini cioè i suoi nipotini, nel 1565 si buttò sulla roccaforte cristiana di Malta. E non servì a nulla che nel 1566 morisse d’infarto cardiaco.
Non servì perché al trono ci salì il suo terzo figlio. Noto, lui, non con l’appellativo di Magnifico bensì di Ubriacone. E fu proprio sotto Selim l’Ubriacone che nel 1571 il generale Lala Mustafa conquistò la cristianissima Cipro. Qui commise una delle infamie più vergognose di cui la cosiddetta Cultura-Superiore si sia mai infangata. Il martirio del patrizio veneziano Marcantonio Bragadino, governatore dell’isola. Come lo storico Paul Fregosi ci racconta nel suo straordinario libro «Jihad», dopo aver firmato la resa Bragadino si recò infatti da Lala Mustafa per discutere i termini della futura pace.
Ed essendo uomo ligio alla forma vi si recò in gran pompa. Cioè a cavallo d’un destriere squisitamente bardato, indossando la toga viola del Senato, nonché scortato da quaranta archibugieri in alta uniforme e dal bellissimo paggio Antonio Quirini (il figlio dell’ammiraglio Quirini) che gli teneva sul capo un prezioso parasole.
Ma di pace non si parlò davvero. Perché in base al piano già stabilito i giannizzeri sequestrarono subito il paggio Antonio per chiuderlo nel serraglio di Lala Mustafa che i giovinetti li deflorava ancor più volentieri di Maometto II, poi circondarono i quaranta archibugieri e a colpi di scimitarra li fecero a pezzi. Letteralmente a pezzi. Infine disarcionarono Bragadino, seduta stante gli tagliarono il naso poi le orecchie e così mutilato lo costrinsero a inginocchiarsi dinanzi al vincitore che lo condannò ad essere spellato vivo. L’esecuzione avvenne tredici giorni dopo, alla presenza di tutti i ciprioti cui era stato ingiunto d’assistere. Mentre i giannizzeri schernivano il suo volto senza naso e senza orecchie Bragadino dovette far ripetutamente il giro della città trascinando sacchi di spazzatura, nonché leccar la terra ogni volta che passava dinanzi a Lala Mustafa. Morì mentre lo spellavano. E con la sua cute imbottita di paglia Lala Mustafa ordinò di fabbricare un fantoccio che messo a cavalcioni d’una vacca girò un’altra volta intorno alla città quindi venne issato sul pennone principale della nave ammiraglia. A gloria dell’Islam. Del resto non servì nemmeno che il 7 ottobre dello stesso anno i veneziani furibondi ed alleati con la Spagna, il papato, Genova, Firenze, Torino, Parma, Mantova, Lucca, Ferrara, Urbino e Malta sconfiggessero la flotta di Ali Pascià nella battaglia navale di Lepanto. Ormai l’Impero Ottomano era arrivato all’apice della potenza, e coi sultani successivi l’attacco al continente europeo proseguì indisturbato.
Arrivò sino alla Polonia dove le sue orde entrarono ben due volte: nel 1621 e nel 1672. Il loro sogno di stabilire lo Stato Islamico d’Europa si sarebbe bloccato soltanto nel 1683 quando il Gran Visir Kara Mustafa mise insieme mezzo milione di soldati, mille cannoni, quarantamila cavalli, ventimila cammelli, ventimila elefanti, ventimila bufali, ventimila muli, ventimila tra vacche e tori, diecimila tra pecore e capre, nonché centomila sacchi di granturco, cinquantamila sacchi di caffè, un centinaio tra mogli e concubine, e accompagnato da tutta quella roba entrò di nuovo in Austria. Rizzando un immenso accampamento (venticinquemila tende più la sua, munita di struzzi e di fontane) di nuovo mise Vienna sotto assedio. Il fatto è che a quel tempo gli europei erano più intelligenti di quanto lo siano oggi, ed esclusi i francesi del Re Sole (che col nemico aveva firmato un trattato di alleanza ma agli austriaci aveva promesso di non attaccare) tutti corsero a difendere la città considerata il baluardo del Cristianesimo. Tutti. Inglesi, spagnoli, tedeschi, ucraini, polacchi, genovesi, veneziani, toscani, piemontesi, papalini. Il 12 settembre riportarono la straordinaria vittoria che costrinse Kara Mustafa a fuggire abbandonando anche i cammelli, gli elefanti, le mogli, le concubine sgozzate, e...

ALL THIS HORROR , TODAY IS THIS EVERYWHERE IN SYRIA AND IN THE GALAXY jihadist THAT FIGHT FOR THE SAME SHARIA OF ARAB LEAGUE ] [ Only Bush 322 Kerry 666 CIA , are so Satanists HAVE WANTED TO RUIN THE HUMAN RACE IN THIS SO , have revived FROM THE CEMETERY OF THE HISTORY Wahhabi TO RUIN THE HUMAN RACE ! ] The incredible story Islamic expansionism into Europe. It was in 635 A.D. that is, three years after Muhammad's death the armies of the Crescent invaded Christian Syria and Christian Palestine. It was in 638 that took Jerusalem and the Holy Sepulchre. It was in 640 that conquered Persia and Armenia and Mesopotamia which is now Iraq invaded Christian Egypt and swept into the Christian that Maghreb in Tunisia and in Algeria and Morocco. It was in 668 that attacked Constantinople for the first time , the imposed a siege of five years.It was in 711 that crossed the Strait of Gibraltar landed in Catholic Iberian Peninsula , took possession of Portugal and Spain where despite the Pelayo and El Cid and the Reconquista engaged in various sovereigns remained for eight secoli.E those who believe in the myth of "peaceful cohabitation , " which according to the collaborators characterized the relations between the conquered and the conquerors would do well to reread the stories of the convents and monasteries burned, desecrated churches , nuns raped, Christian or Jewish women abducted to be closed in the harem . Would do well to reflect on the crucifixion of Cordova, on the hangings of Granada, the beheadings of Toledo and Barcelona , Seville and Zamora. ( Those of Seville, wanted by Mutamid , the kings that with the severed heads adorning the gardens of his palace .Those of Zamora, by Almanzor : the vizier called patron - of - the - philosophers , the greatest leader Islamic Spain has ever produced ) . Christ ! To invoke the name of Jesus or the Virgin Mary is ended immediately executed. Crucifixes , exactly, or beheaded or hanged. And sometimes impaled . To ring the bells , the same. To wear a garment green color of Islam , ditto. And the passage of a Muslim infidel-dogs had to step aside , bowing . If the Muslim attacked them or insulted them , they could not rebel. How to detail that the infidel-dogs did not have the obligation to convert to Islam , you know what was due ? The fact that the converts did not pay taxes . The infidel-dogs , on the other hand , yes. From Spain in 721 went to no less Catholic France. Led by Abd al -Rahman , the governor of Andalusia, crossed the Pyrenees, took Narbonne . We massacred entire male population , enslaved all the women and all the children then went to Carcassonne. Passed from Carcassonne to Nimes where slew of nuns and friars. Passed from Nimes to Lyon and Dijon where raided every single church , and you know how long it lasted their advance into France ? Eleven years . A waves .In 731 a wave of trecentottantamila sixteen thousand infantry and cavalry arrived in Bordeaux surrendered immediately. From Bordeaux he went to Poitiers and Tours, Charles Martel in 732 , and if he had not won the battle of Tours - Poitiers today even the French would dance the flamenco. 827 landed in Sicily , another target of their greed . As usual killing and desecrating conquered Syracuse and Taormina , Messina and Palermo , and in three quarters of a century ( many there wanted to bend the fierce resistance of the Sicilians ) the islamizzarono . There were more than two and a half centuries , that is, until they were evicted by the Normans , but in 836 disembarked at Brindisi.In 840 , in Bari, Puglia islamizzarono also .841 landed at Ancona. Then we brought in from the Adriatic and Tyrrhenian Sea during the summer of 846 landed at Ostia. The looted , burned it , and going up the mouth of the Tiber arrived in Rome . The laid siege and one night you broke . Plundered the basilicas of St. Peter and St. Paul , ransacked the entire saccheggiabile . To get rid of it , Pope Sergius II had to work to pay him an annual tribute of 25 thousand pieces of silver. To prevent further attacks , his successor Leo IV had to build the walls lion .After leaving Rome , however, they placed in Campania . There remained seventy destroying Monte Cassino and Salerno baiting . City in which, at some point , they amused themselves by sacrificing each night the virginity of a nun . Do you know where? On the altar of the cathedral. 898 , however, landed in Provence. To be precise , today's Saint- Tropez. Settled there , and in 911 crossed the Alps to enter Piedmont .Occupied Turin and Casale , set fire to churches and libraries, killed thousands of Christians , then went to Switzerland . They reached the valley of the Grisons and Lake Geneva , then discouraged by the snow did an about-face . They went back into the warm Provence , Toulon and occupied in 940 ... Today it is fashionable to beat his chest for the Crusades , blame the West for the Crusades , see the Crusades injustice committed against the poor innocent Muslims . But before it was a series of expeditions to regain possession of the Holy Sepulchre , the Crusades were a response to four centuries of invasions, occupations harassment carnage . It was a counteroffensive to stop Islamic expansionism in Europe. To divert , ( mors tua vita mea ) , to the East. To India, Indonesia, China , the African continent , as well as Russia and Siberia where the Tartars converted to Islam were already carrying the Koran. He ended the Crusades , in fact, the sons of Allah seviziarci resumed as before, and more than before. By the Turks , this time , that they were preparing to give birth to the Empire Ottomano.Un empire until 1700 that the West would have condensed all his greed , his voracity , and transformed Europe in his favorite battlefield . Interpreters and bearers of that greed , the Janissaries that still enrich our language synonymous with killer or fanatic or murderess . But you know who were actually the Janissaries ? The elite troops of the Empire. The super- soldiers to sacrifice themselves as capable of fighting , massacre , pillage . Do you know where they were recruited or kidnapped better ? In countries subject to the Empire. In Greece, for example, or in Bulgaria , Romania, Hungary, Albania , Serbia, and sometimes even in Italy . Along the coasts lashed by pirates . Li confiscated at the age of ten or eleven or twelve years old, the firstborn from among the most beautiful and strongest of good families. After having converted them shut in their barracks and here , forbidding to marry and to have any kind of loving relationship or affective ( encouraged , on the contrary , rape ) , indottrinavano them as even Hitler would have succeeded in indoctrinating his Waffen SS . Turned them into the most formidable war machine the world has ever seen since the time of the ancient Romans.... in 1356 , ie after ottantaquattr'anni the Eighth Crusade , the Turks pecked the Gallipoli peninsula that extends for one hundred kilometers along the northern shore of the Dardanelles . From there set out to conquer south-eastern Europe and in the blink of an eye invaded Thrace , Macedonia and Albania. Buckled Greater Serbia , and another siege of Constantinople paralyzed five years now completely isolated from the rest of the West. In 1396 they stopped , it is true , to deal with the Mongols (themselves to Islam ), but in 1430 exhumed the march by occupying the Venetian Thessaloniki.Overwhelming Christians in Vama in 1444 they secured possession of Wallachia , Moldavia, Transylvania , in short the whole territory now known as Bulgaria and Romania , and in 1453 again besieged Constantinople on 29 May fell into the hands of Mohammed II . A beast under dell'islamica Act Fratricide (Law dynastic reasons for authorizing a sultan to assassinate the immediate family ) was choking the little brother to the throne three years.The Ottoman troops that come from playing drums breaches of the walls collapsed , overwhelming the defenders Genoese and Venetian and Spanish , with plenty of scimitar massacre them all , then burst into the cathedral and behead even infants. With their heads off the candles ... It lasted from dawn to afternoon , the massacre . Subsided only when the Grand Vizier went up on the pulpit of St. Sophia and the butchers said, " Relax . Now this temple belongs to Allah . "Meanwhile, the city was burning . The soldiery crucified and impaled . The Janissaries raped and then sgozzavano nuns (four in a few hours ) or chained to the survivors of selling at the market in Ankara. And the courtiers were preparing the lunch of Victory. That lunch during which ( in spite of the Prophet) Muhammad II became drunk with the wine of Cyprus, and having a weak pei boys that he brought the eldest son of Grand Duke Notaras greek - orthodox . A fourteen -known for its beauty. Before all the raped , raped and after that he brought the other Notaras . His parents , his grandparents , his uncles , his cousins ​​. Before him beheaded them . One by one .He also destroy all the altars , melt all the bells , turn all the churches into mosques or bazaar . Eh , yes. It was in this way that Constantinople became Istanbul. Among the ' UN Accursio want to hear it or not. Three years later , ie in 1456 conquered Athens where , again, Muhammad II transformed into mosques all churches and old buildings . With the conquest of Athens completed the invasion of Greece, which would have kept that ruined it for four hundred years, so they attacked the Republic of Venice in 1476 that if he found himself also in Friuli and in the valley of the Isonzo . And what happened the next century is no less chilling. Why in 1512 ascended the throne of the Ottoman Empire Selim Bloody . Always under the Law on Fratricide we went up choking two younger brothers and five grandchildren plus several caliphs an unknown number of vizier , and from this was born the one individual who wanted to make the Islamic State of Europe : Suleiman the Magnificent. Newly crowned , in fact, the Magnificent staged an army of nearly four hundred and thirty thousand three hundred horses and camels over forty guns. From now Islamized Romania in 1526 it brought in Catholic Hungary and in spite of the heroism of the defenders it disintegrated the army in less than forty-eight hours. Then he reached Buda , Budapest today . Gave it to the flames , completed jobs, and guess how many Hungarians (men and women and children) ended immediately to the slave market that now characterizes Istanbul. A hundred thousand .
 
Guess how they ended the following year , in markets that competed with that of Istanbul that is, in the bazaars of Damascus and Baghdad and Cairo and Algiers . Three million. But even this was enough . For realizzar the Islamic State of Europe , in fact, staged a second armed with cannons and four others from Hungary in 1529 he went to Austria. The ultra-Catholic Austria, which by now was considered the bastion of Christianity . He could not win it , I agree. After five weeks of fruitless assaults preferred to retire . But retreating massacred thirty thousand peasants who did not deserve to sell in Istanbul or Damascus or Baghdad or Cairo or Algiers because the price of slaves was too declined because of those three million and one hundred thousand Hungarians, and just returned entrusted the reform of the fleet at famous pirate Khayr al -Din, called Barbarossa . The reform allowed him to make the Mediterranean a feud vapor Islam so that, after turning off a palace coup by strangling the first and second child plus their six children namely his grandchildren , in 1565, he threw himself on the Christian stronghold of Malta . It was of no avail that in 1566 he died of a heart attack.It did not help because we ascended to the throne to her third child . Known him, not with the name of Magnificent but Drunkard . And it was under Selim the Drunkard that in 1571 the general Lala Mustafa won the most Christian Cyprus. Here he committed one of the most shameful infamies of which the so-called Culture - Top has never tarnished . The martyrdom of the Venetian patrician Marcantonio Bragadino , governor of the island . As historian Paul Fregosi tells us in his extraordinary book , " Jihad " , after signing the surrender Bragadino in fact went by Lala Mustafa to discuss the terms of future peace.And being a man loyal to the shape went there with great pomp . That is a horse of an exquisitely caparisoned steed , wearing the purple robe of the Senate, and escorted by forty musketeers in full uniform and with a beautiful page Quirini Antonio (son of Admiral Quirini ) that kept him on the head a precious parasol .But there was no talk of peace indeed. Because according to the plan already established the Janissaries immediately seized Antonio to close the page in the menagerie of Lala Mustafa that the youths deflorava them even more gladly of Mohammed II , then surrounded the forty arquebusiers and scimitar blows them to pieces . Literally to pieces. Finally disarcionarono Bragadino , on the spot, then cut off her nose and ears mutilated so they forced him to kneel before the winner that condemned him to be skinned alive . The execution took place thirteen days later, in the presence of all Cypriots who had been ordered in to assist . While the Janissaries mocked his face without a nose and no ears Bragadino had to repeatedly around the city dragging bags of garbage and lick the ground every time he passed in front of Lala Mustafa . He died while spellavano . And with his skin stuffed with straw Lala Mustafa ordered him to fabricate a puppet put astride a cow turned again around the town then was hoisted on the flagpole main flagship . To the glory of Islam. The rest did not help either that on 7 October of the same year the Venetians furious and allied with Spain , the papacy , Genoa, Florence , Turin, Parma, Mantua , Lucca , Ferrara , Urbino and Malta sconfiggessero fleet of Ali Pasha in the naval battle Lepanto . Now the Ottoman Empire had reached the apex of power , and with successive Sultans the attack on the European continent continued undisturbed .He came as far as Poland , where his hordes entered twice: in 1621 and in 1672 . Their dream of establishing the Islamic State of Europe you would be stuck only in 1683 when the Grand Vizier Kara Mustafa put together half a million soldiers , a thousand guns , forty thousand horses, twenty thousand camels , twenty elephants, buffalo twenty thousand , twenty thousand mules , twenty thousand cows and bulls , sheep and goats between ten thousand and one hundred thousand sacks of corn , fifty bags of coffee , a hundred wives and concubines , and accompanied by all that stuff came back in Austria. Cocking an immense camp (twenty-five tents plus his , equipped with ostriches and fountains ) again put Vienna under siege. The fact is that at that time the Europeans were smarter than they are today , and excluding the French Sun King (which the enemy had signed a treaty of alliance , but the Austrians had promised not to attack ) all rushed to defend the city considered the bulwark of Christianity. All of them. English, Spanish , Germans, Ukrainians , Poles, Genoese , Venetian , Tuscan , Piedmontese , papal . On September 12, reported the extraordinary victory that forced Kara Mustafa to flee, abandoning even the camels , elephants , wives , concubines had their throats cut , and ...