Gli schiaffi di Obama alle mamme siriane


  • The slaps of Obama, against: the mothers Syrian! ] [ Gli schiaffi di Obama, alle mamme siriane! ] [والصفعات من أوباما، ضد: الأمهات السوري! ] Mi fà tanto male postare questo video come tanti altri video che mostrano la violenza, le prevaricazioni, le torture e le uccisioni a danno di civili inermi, colpevoli solo di non poter "dimostrare" che sono contro il "regime". Il video mostra delle donne della zona di Deir ezzor, (Nord-Est della Siria) prese prigioniere dai miliziani islamisti della cosi detta "Jabhat al Nusra", il braccio armato di Al Qaeda in Siria, che mostrano tutta la loro cavalleresca forza nel torturare e umiliare queste povere donne neanche più tanto giovani. Alla più anziana la apostrofano di "vecchietta del malaugurio". Le povere donne terrorizzate, sono sommate a sdraiarsi e mettere le mani dietro alla schiena, per frustarle senza alcun riguardo.
  • allGiacintoAuriti  
    allGiacintoAuriti ha pubblicato un commento 
    6 secondi fa
    [The slaps of Obama, against: the mothers Syrian! ] [ Gli schiaffi di Obama, alle mamme siriane! ] [والصفعات من أوباما، ضد: الأمهات السوري! ] Le donne implorano pietà e esprimono il loro "pentimento". Ma nulla da fare. Le frustate e i schiaffi piovono sulle loro facce a più non posso, per non parlare degli insulti e umiliazioni fisiche e verbali. Ecco il video: Un video molto doloroso. Questa è la libertà che vogliono per il nostro popolo! E per imporci la "loro libertà" che mezzo pianeta si è coalizzato contro il nostro paese per portare morte, distruzione, umiliazione e torture? Un tale orrore la Siria non lo ricordava dal tempo della dominazione Ottomana che ha commesso i peggiori crimini contro i popoli da loro dominati. E ora ci riprovano, utilizzando gli Orchi islamisti venuti dagli inferi per portare la cultura Wahabita oscurantista e totalitaria dei loro padroni del golfo,
  • allGiacintoAuriti  
    allGiacintoAuriti ha pubblicato un commento 
    33 secondi fa
    [The slaps of Obama, against: the mothers Syrian! ] [ Gli schiaffi di Obama, alle mamme siriane! ] [والصفعات من أوباما، ضد: الأمهات السوري! ] e per compiere il volere dei loro signori Occidentali e sionisti. Il video dice tutto sul perché la Siria non si piega al volere del mondo, che non ci ama, e della nostra libertà non gliene importa assolutamente niente. A loro interessa conquistare e sottoporre il nostro paese per le sue risorse e per dare "sicurezza" al popolo più spregevole del mondo che occupa la Palestina. La Siria continuerà la sua guerra per la sua sopravvivenza e sopratutto per salvaguardare la sua dignità e onore, che essere vigliacchi come quelli di questo video vorrebbero calpestare.
  • allGiacintoAuriti  
    allGiacintoAuriti ha pubblicato un commento 
    43 secondi fa
    [The slaps of Obama, against: the mothers Syrian! ] [ Gli schiaffi di Obama, alle mamme siriane! ] [والصفعات من أوباما، ضد: الأمهات السوري! ] Non ci sono parole per esprimere il nostro odio verso questi vigliacchi. Guai a loro quando saranno nelle mani dei valorosi uomini del nostro amatissimo Esercito Arabo Siriano, perché allora la parola "pietà" non esisterà, come loro non hanno avuto pietà di inermi donne imploranti. Viva la Siria. Viva il Nostro Presidente e viva gli uomini del Nostro amatissimo Esercito Arabo Siriano.
  • allGiacintoAuriti  
    allGiacintoAuriti ha pubblicato un commento 
    7 minuti fa
    [ethnic cleansing: Jabhat an-Nusra Front, Arab League, for the worldwide caliphate] [la pulizia etnica di: Jabhat an-Nusra, Lega Araba, per il califfato mondiale] Massacro di Aleppo, chi sono i responsabili? Investigazione e testimonianze + (Video). Gruppi terroristici di Jabhat An-Nusra hanno eseguito un'atroce esecuzione di massa, a danno, di decine di uomini precedentemente rapiti, e poi hanno gettato i loro corpi nel fiume Qweik ad Aleppo. Ieri, una fonte ufficiale, ha confermato, che, gruppi terroristici di Jabhat an-Nusra ad Aleppo hanno compiuto una terrificante esecuzione di massa a danno di decine di uomini precedentemente rapiti, e poi hanno gettato i loro corpi nel fiume Qweik, in località Bustan al Qasr, ad Aleppo. I famigliari dei giovani uccisi hanno avuto lo straziante compito di riconoscere,
  • allGiacintoAuriti  
    allGiacintoAuriti ha pubblicato un commento 
    7 minuti fa
    [ethnic cleansing: Jabhat an-Nusra Front, Arab League, for the worldwide caliphate] chi i figli, chi i nipoti, chi i mariti, e chi i padri, ribadendo, che, erano stati rapiti in precedenza, da uomini appartenenti al gruppo di Jabhat an-Nusra per il solo motivo di essersi rifiutati di collaborare con la banda terroristica, rifiutandosi di abbandonare le loro abitazioni, come richiesto dai terroristi. Le autorità preposte, in collaborazione con i famigliari dei defunti, seguono le indagini atte ad accertare la verità di questo ennesima strage compiuta dal gruppo terroristico Jabhat an-Nusra, che è l'ultima di una serie di massacri e bestialità a danno di civili inermi e indifesi. Gli scontri tra le Forze Armate siriane e i terroristi in località Bustan al Qasr si svolgono in un'ampia area e non vi è alcuna postazione di unità dell'Esercito Siriano sulle rive del fiume Qweik.
  • allGiacintoAuriti  
    allGiacintoAuriti ha pubblicato un commento 
    7 minuti fa
    [ethnic cleansing: Jabhat an-Nusra Front, Arab League, for the worldwide caliphate]è importante segnalare che le autorità competenti, alcune settimane fa, avevano limitato con del filo spinato il versante del fiume per evitare che i terroristi si infiltrassero da località adiacenti per raggiungere zone sicure della città (ossia le zone ripulite dai terroristi, sotto controllo dell'Esercito Siriano); va altre sì detto che i corpi che (a detta dei terroristi e dei mass-media complici dello spargimento di sangue siriano) sarebbero stati prima uccisi e poi gettati nel fiume dall'Esercito Siriano, sono stati rinvenuti nel versante in cui si trovano i terroristi. Infatti, è necessario aggiungere che se fossero stati uccisi nelle zone sicure,
  • allGiacintoAuriti  
    allGiacintoAuriti ha pubblicato un commento 
    8 minuti fa
    [ethnic cleansing: Jabhat an-Nusra Front, Arab League, for the worldwide caliphate] sarebbero rimasti impigliati nel filo spinato prima di raggiungere le zone in cui sono stati rinvenuti. Il livello d'innalzamento delle acque del fiume Qweik è assolutamente irrilevante, pressoché minimo, e le acque sono stagnanti, perciò è assolutamente impossibile che le acque abbiano travolto i corpi rinvenuti in località Bustan al Qasr , luogo di assembramento terroristico. Gli stessi famigliari dei poveri defunti hanno dichiarato e più volte ribadito che il gruppo Jabhat an-Nusra aveva rapito i loro famigliari, poi identificati presso il luogo del terribile massacro, aggiungendo che avevano richiesto di pagare il prezzo del riscatto per il loro rilascio.
  • allGiacintoAuriti  
    allGiacintoAuriti ha pubblicato un commento 
    19 minuti fa
    Levius laedit, quicquid praevidimus ante! [total: cleansing, confessional, with the howling of "wa Allah Akbar" is this: democracy of the Arab League to Obama.] In un momento della guerra contro la Siria, notiamo una decrescita: della quantità di filmati dal contenuto cruento, nella quale: le varie fazioni di criminali islamisti: e non, che: commettono giornalmente: atrocità: e: massacri a danno di civili, e quando possono: a danno anche: di soldati regolari dell'Esercito Arabo Siriano caduti prigionieri, filmano i loro crimini e li "postano" con fierezza sui vari siti "Social". Che sia, che chi comanda queste bestie: abbia chiesto loro di astenersi dal farsi una cattiva propaganda attraverso la divulgazione di questi filmati della vergogna? Non si sà. Quello che si sà di certo è che le notizie dei misfatti di questi criminali ci giungono lo stesso attraverso le testimonianze di civili sfuggiti alla loro barbarie.
  • allGiacintoAuriti  
    allGiacintoAuriti ha pubblicato un commento 
    19 minuti fa
    Levius laedit, quicquid praevidimus ante! [total: cleansing, confessional, with the howling of "wa Allah Akbar" is this: democracy of the Arab League to Obama.] Il quotidiano Libanese "Assafir", riporta la cronostoria della "caduta" della piccola cittadina di Ma'arat Mesrin in provincia Nord di Idleb, nelle mani dei combattenti di "Jabhat al Nusra" che fanno capo ad Al Qaeda in Siria assieme ad altre fazioni. Raccontiamo i vari misfatti. All'ingresso dei combattenti (terroristi) nella cittadina, vengono rapiti 31 uomini prelevati nel loro sonno da miliziani armati che stranamente parlavano l'inglese correntemente!( E da avvalorare così, che i terroristi, spesso uomini analfabeti, sono guidati e indirizzati verso azioni ben precise da parte di elementi infiltrati dall'Occidente o anche dal Mossad Israeliano? Ndt) Gli uomini rapiti, furono usati come merce di scambio, per la liberazione di terroristi catturati, in combattimento dall'Esercito regolare Siriano.
  • allGiacintoAuriti  
    allGiacintoAuriti ha pubblicato un commento 
    20 minuti fa
    Levius laedit, quicquid praevidimus ante! [total: cleansing, confessional, with the howling of "wa Allah Akbar" is this: democracy of the Arab League to Obama.] Un secondo fatto cruento, è che fu deciso di "esiliare" tutte le persone appartenenti ad una confessione non gradita agli islamisti. Generalmente si parla di Cristiani ed A'lawiti. Il numero delle persone così condannate a lasciare le loro case e beni si aggirava attorno alle 7000 persone. Dovevano dirigersi verso i due villaggi confinanti di "Fawa'a" e "Kefraya". (Gli islamisti, spesso praticano questa forma di epurazione, confessionale, nei villaggi da loro controllati avverso persone non Musulmane -- Ndt). Purtroppo per due famiglie poverissime e senza mezzi materiali, lasciare fù cosa impossibile. Purtroppo queste famiglie, non conoscevano la calamità che li aspettava. L'odio razziale e religioso dei mostri islamisti si abbatté su di loro .
  • allGiacintoAuriti  
    allGiacintoAuriti ha pubblicato un commento 
    20 minuti fa
    Levius laedit, quicquid praevidimus ante! [total: cleansing, confessional, with the howling of "wa Allah Akbar" is this: democracy of the Arab League to Obama.] A distanza di giorni i membri della famiglia A'zar, furono obbligati a dichiarare il loro "pentimento" e la loro conversione forzata all'Islam, in mezzo al solito ululare del "Allah wa Akbar", "Dio è Grande". (Mai Dio è stato offeso peggio di cosi dai tempi del Profeta -- PsdL- Ndt). Non c'é che dire, una vittoria confessionale inuguale sotto la minaccia della morte.... E degno riferire, che, una della persone convertite era conosciutissimo per essere uno spacciatore di droga! L'altra famiglia di "Al Rahhal" subì una sorte più cruenta. La madre non vedendo ritornare il marito e il figlio, uscì alla loro ricerca. Invano. Nessuno osava darle informazioni, finché qualcuno coraggioso le indicò la piazza principale del paese.
  • allGiacintoAuriti  
    allGiacintoAuriti ha pubblicato un commento 
    20 minuti fa
    Levius laedit, quicquid praevidimus ante! [total: cleansing, confessional, with the howling of "wa Allah Akbar" is this: democracy of the Arab League to Obama.] La donna seppe che suo marito era stato "sgozzato e poi decapitato" davanti agli occhi del figlio, e al colmo della mostruosità gli appesero, la testa del padre alla schiena. Anche, il ragazzo non sfuggì alla sorte, che, ebbe il padre, e dopo averlo decapitato, misero la sua testa accanto al corpo del padre. Aveva... 14 anni! Il tutto avvenne, al suono dei odiosi Allah wa Akbar e per la delizia di chi filmava il crimine. Anche le persone handicappate non sfuggirono alla morte, in quanto considerati "infedeli e miscredenti" dai Qaidisti. Fu così che un handicappato fù condotto nella stessa piazza ed ucciso a sangue freddo con una raffica di mitra con i soliti ululati inneggianti a Dio.
  • allGiacintoAuriti  
    allGiacintoAuriti ha pubblicato un commento 
    21 minuti fa
    Levius laedit, quicquid praevidimus ante! [total: cleansing, confessional, with the howling of "wa Allah Akbar" is this: democracy of the Arab League to Obama.] Questa la storia di come l'ennesimo paesino in Siria fu "purificato"dalla presenza di persone di un'altra "confessione". Con il sangue degli innocenti e con il silenzio, l'indifferenza e il criminale consenso di chi pretende di portare la libertà alla Siria ed ai suoi abitanti, che convivono Cristiani e Musulmani da secoli nella pace e armonia infranta dai portatori di odio e barbarie. Sono a decine le notizie giornaliere di atti criminali commessi contro le persone di confessione diversa di quella che professano questi mostri venuti dagli inferi. Si, perché viene riportato dal Monsignor Hindo della provincia del "Hasaka", zona Nord Est della Siria, un episodio, durante un ennesimo rapimento a danno di persone questa volta Musulmane.
  • allGiacintoAuriti  
    allGiacintoAuriti ha pubblicato un commento 
    21 minuti fa
    Levius laedit, quicquid praevidimus ante! [total: cleansing, confessional, with the howling of "wa Allah Akbar" is this: democracy of the Arab League to Obama.] E su invocazione e richiamo fatte ai terroristi da alcuni abitanti, al fine di mostrare un pò di pietà. La risposta dei terroristi fù di maledire il nome di Allah e del suo Profeta, dichiarando che il loro unico interesse era IL DENARO! Un caso non isolato se qualcuno cercasse di giustificarlo! Non siate indifferenti a queste notizie perché non ci stancheremo di avvertirvi che l'incontro con questi esseri mostruosi, un giorno saranno sempre più frequenti anche in Europa. Dapprima ostenteranno la loro "fede", per poi imporla, e col tempo pretendere che gli Occidentali si "adeguino", se non con le buone, con le cattive maniere! Levius laedit, quicquid praevidimus ante!
  • allGiacintoAuriti  
    allGiacintoAuriti ha pubblicato un commento 
    21 minuti fa
    Levius laedit, quicquid praevidimus ante! [total: cleansing, confessional, with the howling of "wa Allah Akbar" is this: democracy of the Arab League to Obama.] Come sempre non ci stancheremo di combattere contro questi esseri e fino alla vittoria, contro i finti portatori di democrazia: e libertà i veri nemici e contro la loro manodopera islamista Wahabita di basso livello. E un giorno, speriamo presto, il Nostro paese potrà vendicare tutto il male che gli è stato fatto. Viva la Siria! Viva l'Esercito Arabo Siriano garante della nostra libertà. M_S
  • allGiacintoAuriti  
    allGiacintoAuriti ha pubblicato un commento 
    34 minuti fa
    is: worldwide caliphate: of Rothschild [Islamic terrorist of the Arab League, commits sacrilege and desecration and destruction of a Christian church] We missed this photo to our collection! This is the respect that the "freedom seekers" long to bring to our country. A "revolution", paid and prepared by the "Empire of Evil" against populations living in peace. Barbarians from Britain and Francs, American invaders, with the help of fallen ottoman thieves, financed by the insignificant and ignorant camel shepherds, "nouveaux riches" of the Arabic Peninsula, all united under the will of the descendants of Abraham, the sionists, to destroy a country that is the model of cohabitation and religious tolerance.
  • allGiacintoAuriti  
    allGiacintoAuriti ha pubblicato un commento 
    34 minuti fa
    is: worldwide caliphate: of Rothschild [Islamic terrorist of the Arab League, commits sacrilege and desecration and destruction of a Christian church] Christians from all over the world, WAKE UP, before this tumor hitting and destroying Syria using these horrible monsters, retorts on you all, and that you might see these scenes in your churches. Lift up your voice against the corrupted politicians, partners in this evil conspiracy against the Syrian people. If you do not want to do it for Syrians, at least try doing it to safeguard the dignity of your Christian faith!
  • allGiacintoAuriti  
    allGiacintoAuriti ha pubblicato un commento 
    38 minuti fa
    04/25/2013 SYRIA The two bishops of Aleppo still in kidnappers hands. The "dictatorship of the false information" Negotiations with the kidnappers is ongoing, nothing yet known about the date of their alleged release. Archbishop Yohanna Ibrahim, Syriac Orthodox bishop of the diocese of Aleppo and Msgr. Boulos Yaziji, were kidnapped on April 22, just 10 km from Aleppo, near the Turkish border. Greek-Melkite Bishop criticizes false information on the alleged release of prelates abounding in Western media. "Here there are men and women who risk their lives to affirm and tell the truth and and who resist bargaining with the rebels, religious groups, or regime."
  • allGiacintoAuriti  
    allGiacintoAuriti ha pubblicato un commento 
    39 minuti fa
    [Obama agenda worldwide caliphate] [Una giornalista della rete Americana CNN, ha ricevuto ordine di "demonizzare" la Siria e l'Iran.] [A reporter from the American network CNN, has received orders to "demonize" Syria and Iran.] La giornalista Amber Lyon, che lavorava per la conosciutissima rete televisiva statunitense CNN, ha rivelato, che ha ricevuto "ordini" durante il suo lavoro per la rete televisiva, di trasmettere delle false notizie e di escluderne altre sfavorevoli all'amministrazione USA, al fine di creare nella mente dell'opinione pubblica un idea che favorisca il lancio di un attacco contro Siria e Iran. Questa affermazione, è stata riportata da uno dei principali siti internet Slovacchi, nel quale la giornalista affermava che i grandi media americani lavorano alacremente al fine di creare una propaganda contro questi due paesi, e favorire nell'opinione pubblica un consenso ad un progetto di invasione militare
  • allGiacintoAuriti  
    allGiacintoAuriti ha pubblicato un commento 
    39 minuti fa
    [Obama agenda worldwide caliphate] [A reporter from the American network CNN, has received orders to "demonize" Syria and Iran.]'da parte delle USA e delle coalizioni occidentali e altri paesi orientali contro questi due paesi ora nell'occhio del ciclone destabilizzatore' (NdT). La giornalista ha rivelato che lo stesso scenario utilizzato alla vigilia del lancio della guerra contro l'Iraq, è stato preparato al fine di essere ripetuto ora che la Siria e l'Iran sono oggetto di una demonizzazione costante. Ha inoltre a affermato che la rete CNN esegue delle manipolazioni, e lavora alla creazione di notizie false, facendo una attenta cernita delle notizie, e che per questo lavoro la rete riceve molti soldi dal governo Americano e da altri paesi, in cambio dei contenuti tendenziosi delle notizie. H. Said (fine articolo) Oramai la falsità e l'illegalità con la quale
  • allGiacintoAuriti  
    allGiacintoAuriti ha pubblicato un commento 
    39 minuti fa
    [Obama agenda worldwide caliphate] [A reporter from the American network CNN, has received orders to "demonize" Syria and Iran.] le nazioni Occidentali manovrano in molte parti del mondo Mediorientale in nome di una effimera libertà, è diventata assordante. Furbesche e menzognere manipolazioni delle notizie tramite media compiacenti continuano a tenere l'opinione pubblica assopita ed insensibile alla tragedia che stà vivendo la Siria ed il suo popolo, ad opera di servizi segreti di paesi ex potenze colonialiste Europee e non, assieme agli USA, i moderni invasori del mondo, e con l'aiuto dei loro servi della Penisola Araba, ridotti ad una semplice banda di finanziatori senza onore, ed esecutori della trama tessuta contro i loro stessi "fratelli".
  • allGiacintoAuriti  
    allGiacintoAuriti ha pubblicato un commento 
    39 minuti fa
    [Obama agenda worldwide caliphate] [A reporter from the American network CNN, has received orders to "demonize" Syria and Iran.] Senza vergogna viene manipolata la religione, la libertà, il diritto all'autodeterminazione del popolo Siriano ecc. E tutto questo per garantire la sopravvivenza dello stato più aggressivo e più razzista ed egoista mai esistito : Israele. I Siriani però non si arrenderanno Mai! Noi staremo sempre qui a raccontarvi le vergognose e spregevoli trame del complotto ordito da menti avide di ricchezze e di potere . Viva La Siria, Viva il nostro Esercito Arabo Siriano, Viva il Presidente Bachar al Assad ed onore a tutti i Siriani patrioti.
  • allGiacintoAuriti  
    allGiacintoAuriti ha pubblicato un commento 
    55 minuti fa
    MrCoocon 187AUDIOHOSTEM IIlIIlllI --- criminals, what crimes you want to hide, to me? @IIlIIlllI You do not ever ask to speak in my internal mail! You are a coward failed, with which it is impossible to speak .. scolds you all the Holy Spirit
  • allGiacintoAuriti  
    allGiacintoAuriti ha pubblicato un commento 
    58 minuti fa
    04/25/2013 12:09 SYRIA - JORDAN Karak, a Catholic hospital for the Syrians fleeing from war and refugee camps Located in the south of Jordan, the institute helps more than 30 thousand Syrians camped in the desert. Life in the UN camps on the border is now impossible, in a few months even the most essential aid will run out. Sister Adele Fumagalli, "we base our service on charity and we welcome these people who are struggling in silence." Karak (AsiaNews) - The war in Syria and the overcrowding in refugee camps is forcing more people to seek "salvation" in the Jordanian desert hundreds of miles from the capital Amman and the Syrian border. Interviewed by AsiaNews, Sister Adele Fumagalli, a Comboni religious in the Italian Karak hospital, describes the tragedy of those who are trying to escape from the horrors of war and the refugee camps.
  • allGiacintoAuriti  
    allGiacintoAuriti ha pubblicato un commento 
    1 ora fa
    MrCoocon 187AUDIOHOSTEM IIlIIlllI  --- why satan for you?
  • allGiacintoAuriti  
    allGiacintoAuriti ha pubblicato un commento 
    1 ora fa
    IL MASSACRO DEI NOSTRI FRATELLI (ARMENI) PER MANO DEI NONNI DI ERDOGAN IL KILLER! * Questa foto è stata scattata da un giornalista tedesco ed è conservata negli archivi del Vaticano. Nella foto, madri armene denudate e crocifisse durante. La sede vescovile della curia armena ortodossa a Damasco celebra una santa messa in memoria del massacro degli armeni per mano dei turchi. مطرانية الارمن الارثوذكس لابرشية دمشق تقيم قداسا في ذكرى مجزرة ال (21 foto) ‫مطرانية الارمن الارثوذكس لابرشية دمشق تقيم قداسا في ذكرى مجزرة الارمن‬. ERDOGAN ORDINA E AL-NUSRA ESEGUE: * Jihadisti della brigata "Liwaa' al-tawheed" della fronte al-Nusra, hanno abbattuto lo storico minareto della moschea degli omayyadi di aleppo dopo averlo minato con degli esplosivi.



02/12/2013 13:05
SYRIA
After Muslim rebels seize two priests in Aleppo, there are fears for their life
An Armenian Catholic priest, Fr Michael, and an Orthodox clergyman were abducted last Sunday in Aleppo's Christian neighbourhood. Sources speak to AsiaNews about barbarous murders carried out my Islamic extremists. A car bomb explodes at the Turkish-Syrian border crossing of Cilvegozu.


Aleppo (AsiaNews) - A group of rebels close to Muslim extremists on Sunday abducted an Armenian Catholic priest, Fr Michael, as well as a yet unknown Orthodox clergyman. Both were working in Aleppo. Sources, anonymous for security reasons, told AsiaNewsthat the city's Christian community is very concerned about the attack. "Extremist violence is getting worse day by day. Muslim militias are killing anyone suspected of ties with the regime, including women and children. People in the neighbourhoods are comparing these days to the Ottoman conquest five centuries ago."
For several weeks, residents had complained about the presence of al-Nusra Front forces, Islamic extremists who want to turn Syria into an Islamic state, feared even by the rebel Free Syrian Army.
On 6 February, Front troops stormed the Christian neighbourhood of Jdeideh where extremists had already destroyed the city's main Evangelical church in November.
Al-Nusra forces include many foreigners, including Muslims from Indonesia and the Philippines, as evinced by a statement posted online by the leader of Abu Sayyaf, an extremist Muslim group with ties to al-Qaeda operating in the Philippines. In it, Muslims are urged to go to Syria and sacrifice their lives for Islam.
"These fighters live for killing and violence. They act without pity and make distinctions among people," sources said. "When they kill, they turn to God as if they were making a sacrifice."
Meanwhile, clashes between the military and rebel groups continue across Syria with more than 60,000 people killed so far.
Yesterday, a car bomb killed 13 people near the Turkish border, at a road block in Cilvegozu, a border crossing some 100 kilometres northwest of Aleppo, the main route of escape for Syrian refugees fleeing the war. It has been in rebel hands for several months. (S.C.)


 04/24/2013 09:07
SYRIA
Mystery shrouds alleged release of two Orthodox bishops
Greek-Melkite Archbishop of Aleppo Jean Clement Jeanbart, denies reports of the release of Msgr. Ibrahim and Msgr. Boulos al-Yaziji. The two were being held prisoners until last night 


Aleppo (AsiaNews) - "Archbishop Ibrahim and Metropolitan Boulos al-Yaziji until last night were still in the hands of their kidnappers. Reports of their release yesterday afternoon were false." This is according to Msgr. Jean-Clement Jeanbart, Greek-Melkite Archbishop of Aleppo, who emphasizes that the negotiations with the kidnappers are in progress, pointing out that at the moment "we know nothing" about their eventual release.

Reports have been circulating since yesterday about the alleged release of the two prelates. In the afternoon, all of the major news agencies and global networks had announced the release of the two bishops. The first to have leaked the news were journalists of Agence France Press (AFP), which quoted a statement by the Oeuvre d'Orient. They were followed by Reuters who also confirmed the release, citing Msgr. Tony Yaziji, bishop of the Greek orthodox church. Archbishop Jeanbart explains that "this news spread in Syria, resulting in great confusion." But for the moment there has been no official confirmation.

Archbishop Yohanna Ibrahim, Syriac Orthodox bishop of the diocese of Aleppo and Boulos Yaziji, Greek orthodox Metropolitan of the diocese of the city, were abducted on the afternoon of April 22 in the village of Kafr Dael about 10 km from Aleppo. According to witnesses they were negotiating the release of two priests Fr. Michel Kayyal (Armenian Catholic) and Fr. Maher Mahfouz (Greek-orthodox), seized in February and still in the hands of their kidnappers. On their return they ran into a roadblock set up by rebel militias, the car carrying the two bishops was surrounded by some armed men, perhaps Chechen jihadists, who opened fire on the vehicle, killing the driver deacon and seizing the prelates.

The kidnapping of the two prelates has rocked the Syrian Christian community, Orthodox and Catholic. Yesterday, the pope said in the statement that he "follows the events with deep participation and intense prayer for the wellbeing and the release of the two abducted bishops."



 04/25/2013 12:22
SYRIA
The two bishops of Aleppo still in kidnappers hands. The "dictatorship of the false information"
Negotiations with the kidnappers is ongoing, nothing yet known about the date of their alleged release. Archbishop Yohanna Ibrahim, Syriac Orthodox bishop of the diocese of Aleppo and Msgr. Boulos Yaziji, were kidnapped on April 22, just 10 km from Aleppo, near the Turkish border. Greek-Melkite Bishop criticizes false information on the alleged release of prelates abounding in Western media. "Here there are men and women who risk their lives to affirm and tell the truth and and who resist bargaining with the rebels, religious groups, or regime."


Aleppo (AsiaNews) - The two Orthodox bishops seized last April 22 in Kafr Dael, 10 km from Aleppo, on the Turkish border are still in the hands of the kidnappers. Sources tell AsiaNews that the negotiations are ongoing, nothing is yet known about the date of their alleged release, or the identity of the kidnappers, probably Chechen jihadists.
Syriac Orthodox Archbishop Yohanna Ibrahim of the diocese of Aleppo and Greek orthodox Metropolitan Boulos Yaziji, of the diocese of the city, were negotiating the release of two priests Fr. Michel Kayyal (Armenian Catholic) and Fr. Maher Mahfouz (Greek-orthodox), seized in February and still in the hands of the kidnappers.

These days all the churches in Aleppo, Catholic and Orthodox, are organizing prayer vigils and masses for the salvation of the two prelates, the first to be kidnapped in two years of civil war between the Bashar al-Assad regime and rebels.
Greek-Melkite archbishop Jean Clement Jeanbart, has told AsiaNews that over 1,000 faithful participate every afternoon at vigils for Msgr. Ibrahim and Msgr. Yaziji in his cathedral and have been unsettled by recent conflicting reports of their release. "These people - he said - depend on the information of Western media, the only ones who still have credibility in our country." However, for the prelate many international agencies prefer to rely on information provided by outside agencies instead of checking the facts on the ground, where the population is still able to communicate with the outside.
"For several months - he says - a dictatorship of" false information exists in Syria that creates confusion and false hopes. "" The Western media - the prelate continues - have a great responsibility cannot play with the lives and consciences of the people. There are men and women here who risk their lives to affirm and tell the truth and who will not stoop to bartering with religious groups or rebels or the regime. "For the bishop every Christian, especially if consecrated and a pastor, has the duty to witness to and follow the path of truth in this land troubled not only by bombs, but also by hatred fomented through the lies. (SC)